Ecco finalmente la stagione dei poeti

lavare i loro vecchi pensieri all’osteria

con canzoni macchiate da vino generoso

…Musa danzante fra le prime nebbie di Po

e fisarmoniche di Tango.

Noi crepuscolari del duemila

non siamo molto audaci

ma coltiviamo fiori nel cemento

che regaliamo alle passanti

…piccole fiammiferaie di fuochi fatui.